Superfici a bassa energia come la plastica sono difficili da incollare - le gocce di inchiostro scorreranno sulla superficie.
Come potete vedere il futuro con una pallina di inchiostro?

Come potete vedere il futuro con una pallina di inchiostro?

La tensione superficiale determina come il nastro adesivo si attacca saldamente alla superficie. Il "test dell'inchiostro" lo dimostra.



Perché lo stesso nastro adesivo non aderisce allo stesso modo su superfici diverse? Dipende dall'energia superficiale e dalla tensione superficiale! Il test dell'inchiostro e le informazioni necessarie vi aiuteranno a capire come l'adesivo aderirà e si fisserà ad una superficie.

Superfici: tensione ed energia

Tensione superficiale delle molecole d'acqua
Tensione superficiale delle molecole d'acqua

La tensione superficiale e l'energia superficiale sono due cose differenti. Potete capirlo in modo molto semplice: in un liquido le molecole si muovono in tutte le direzioni; le forze intermolecolari si neutralizzano totalmente a vicenda. Su una superficie le cose funzionano in modo diverso: qui le forze intermolecolari agiscono dall'alto; le molecole si spostano verso l'interno, verso il liquido.

Sul lato esterno si forma una "pelle" che viene tenuta insieme nell'aria dalla tensione superficiale. La tensione superficiale è la ragione per cui i liquidi mantengono la loro superficie il più ridotta possibile. Ecco perché le gocce di inchiostro possono assumere la forma di una pallina. L'energia superficiale invece è la quantità di energia necessaria per rompere i legami in modo da creare una nuova superficie. Entrambi i termini, per i liquidi, vengono spesso utilizzati come sinonimi.

global.read_more

Elevata energia, legame sicuro

Sulle superfici a bassa energia i liquidi assumono la forma di palline. Sulle superfici ad energia elevata i liquidi scorrono in modo uniforme, il che significa che si tratta di un buon posto per applicare un nastro.
Sulle superfici a bassa energia i liquidi assumono la forma di palline. Sulle superfici ad energia elevata i liquidi scorrono in modo uniforme, il che significa che si tratta di un buon posto per applicare un nastro.

L'energia superficiale di un materiale decide quanto bene il nastro adesivo può aderire ad esso. In linea di principio si applica quanto segue: quanto più elevata è l'energia superficiale di un materiale, tanto meglio si attaccherà il nastro adesivo o l'adesivo. Questo è il motivo per cui un'energia superficiale elevata garantisce che l'adesivo possa formare rapidamente una nuova superficie e fluire ampiamente sopra la superficie. Un semplice "trucco" per misurare l'energia superficiale è il test dell'inchiostro. È tanto semplice quanto decisivo: sulle superfici con elevata energia superficiale l'inchiostro scorre in modo uniforme; quindi l'adesivo si attaccherà molto semplicemente. Nel caso di superfici con bassa energia superficiale, le gocce di inchiostro manterranno la forma di palline e scorreranno via. Su queste superfici l'adesivo non attacca.

Un picco nella pallina d'inchiostro

Ecco come potete vedere il futuro in una pallina d'inchiostro: misurare la tensione superficiale è utile se non siete completamente sicuri di quali sono le proprietà della superficie da fissare. Il test dell'inchiostro per la tensione superficiale è uno strumento affidabile in situazioni di questo tipo, in quanto il test si può eseguire in modo rapido e semplice. La cosa migliore è: a casa potete anche misurare la tensione superficiale senza difficoltà. Dovete solo applicare delle gocce d'inchiostro su una superficie e osservare come le gocce si formano o si dissolvono. Questo perché anche l'adesivo si dissolverà in modo simile: fluiranno ampiamente sulla superficie o no.

Dove avviene la migliore adesione?

Superfici a bassa energia come la plastica sono difficili da incollare - le gocce di inchiostro scorreranno sulla superficie. Lo stesso vale per l'adesivo. Le superfici a bassa energia, come i materiali sintetici, rappresentano ad esempio una sfida speciale. Se scegliete un nastro adesivo meno indicato, si staccherà più facilmente. Le superfici difficili con scarse proprietà adesive sono il polietilene (PE), il polistirene (PS), politetrafluoretilene (PTFE), il polipropilene (PP), il silicone o i rivestimenti in polvere.

Per contro esistono materiali con elevate energie superficiali, alle quali l'adesivo si attacca molto bene. L'adesivo si diffonde in modo ampio e uniforme sulla superficie. Le superfici ad energia elevata sono acciaio, alluminio, cloruro di polivinile (PVC) e policarbonato (PC). Ad esse l'adesivo si attacca in modo molto semplice ed efficace.

Tuttavia esistono comunque anche soluzioni per chi vuole applicare un adesivo a superfici con bassa tensione superficiale. Il risultato delle misurazioni non è determinante per il fissaggio adesivo risultante. Le tensione superficiale si può modificare molto semplicemente con i primer, che aumentano chimicamente l'energia superficiale, garantendo che gli adesivi siano in grado di aderire bene. Incidentalmente: una pulizia profonda e la sgrassatura di una superficie spesso producono miracoli. In questo caso l'energia superficiale cambia.

global.read_more

Non è completamente diffuso? Bene!

Fondamentalmente il test con l'inchiostro per la tensione superficiale vi dice soprattutto una cosa: se l'adesivo non si trasforma il più rapidamente possibile in palline microscopiche, se si disperde bene e non è "completamente diffuso" sul nastro adesivo, allora avete trovato il partner perfetto per la superficie da incollare.