Quanto più uniformemente l'inchiostro si dissolve sulla superficie, tanto maggiore è la tensione superficiale.
Perché l'inchiostro è meglio del dito?

Perché l'inchiostro è meglio del dito?

Perché la colla o il nastro adesivo attaccano? Come testiamo il tack? Tutto sul "test del dito", sul test con l'inchiostro e sull'energia superficiale nell'incollaggio.



Controllando in modo critico il nastro adesivo con le dita, se il nastro si attacca alle vostre dita, potreste pensare che il suo tack sia elevato. Questo tuttavia non significa che il tack sia lo stesso anche su altri materiali. La ragione per cui qualcosa si attacca dipende dall'energia superficiale. Cosa significa questo per le vostre dita? Scopritelo qui.

Come funziona la colla/il nastro adesivo?

Applicazioni di nastri per l'industria automobilistica
Motivi, profili e marchi sulle macchine vengono tenuti in posizione da nastri adesivi

La forza di fissaggio di un nastro adesivo dovrebbe dipendere dall'applicazione. Se il nastro deve essere semplice da rimuovere, come ad esempio il nastro per mascheratura, che non deve danneggiare la superficie, non dovrebbe essere troppo forte. Se deve trattenere insieme degli elementi per anni, come ad esempio il logo del marchio sul retro della vostra macchina, deve essere così forte da non poter essere staccato in nessuna condizione. Ogni nastro adesivo ha proprietà di fissaggio ben specificate. In questo contesto i fattori in gioco sono molti: l'adesivo, il supporto e il peso dell'applicazione sono solo alcuni di essi.

La forza di fissaggio del nastro adesivo dipende da elementi molto diversi: le condizioni di adesione (temperatura, ecc.), l'applicazione (p.es. pressione di applicazione), il tempo di riscaldamento e la velocità di strappo – come pure la superficie da fissare. La polarità e le caratteristiche di una superficie (ruvida/liscia) svolgono un ruolo importante per la proprietà di adesione.

global.read_more

Energia superficiale: fissaggio con tensione

acqua su tessuto e vernice automobilistica A seconda dell'energia superficiale, l'acqua crea gocce o semplicemente scorre.
acqua su tessuto e vernice automobilistica A seconda dell'energia superficiale, l'acqua crea gocce o semplicemente scorre.

La qualità di adesione di un nastro adesivo ad una superficie dipende principalmente dall'energia superficiale. Solo ciò che risulta "giusto" in diversi contesti può fissare in maniera ideale.

Per il tempo che resta occupiamoci della parte posteriore della vostra auto. Come ogni sabato, l'avete appena lavata e cerata. E ovviamente, inizia a piovere. Ma le gocce d'acqua semplicemente scivolano via. Mantengono la loro forma e non si dissolvono.

Questo succede perché hanno una maggiore energia superficiale rispetto a quella della vernice dell'auto (in una padella di teflon le gocce avrebbero un'energia di superficie uguale). Questo perché fondamentalmente un liquido non si dissolve, tentando di mantenere la sua superficie il più ridotta possibile. A tale scopo, grazie alla sua tensione superficiale forma una palla.

global.read_more
Le forze di coesione - ovvero l'attrazione (interna) - tra le molecole liquide creano un fenomeno denominato "tensione superficiale". Le molecole sulla superficie di un bicchiere d'acqua per esempio non hanno altre molecole d'acqua su tutti i lati del bicchiere. Esse vengono attratte verso l'interno dell'acqua, hanno una maggiore coesione verso le molecole di acqua vicino o sotto di esse. Questa attrazione è maggiore rispetto a quella delle molecole d'aria soprastanti. Alla fine questa forza interna crea la superficie che separa l'acqua e l'aria.
Le forze di coesione - ovvero l'attrazione (interna) - tra le molecole liquide creano un fenomeno denominato "tensione superficiale". Le molecole sulla superficie di un bicchiere d'acqua per esempio non hanno altre molecole d'acqua su tutti i lati del bicchiere. Esse vengono attratte verso l'interno dell'acqua, hanno una maggiore coesione verso le molecole di acqua vicino o sotto di esse. Questa attrazione è maggiore rispetto a quella delle molecole d'aria soprastanti. Alla fine questa forza interna crea la superficie che separa l'acqua e l'aria.

Tuttavia ci sono alcune forze che agiscono su questa palla. La gravità attrae la palla ma anche altre superfici, come la vernice della vostra auto. Maggiore è la forza che attrae la palla, maggiore sarà la sua deformazione. La palla si dissolve sulla superficie se esiste una forte interazione con una superficie con una tensione superficiale elevata.

Lo stesso avviene con l'adesivo del nastro adesivo o della superficie sulla quale si deve applicare il nastro. Indipendentemente dalla superficie (e dalla sua tensione superficiale individuale), l'adesivo si dissolverà bene in un caso, peggio in un altro. Si attacca più solidamente in un caso e meno solidamente in un altro. Questo è il motivo per cui i primer vengono utilizzati per nastri adesivi con supporti che hanno una bassa tensione superficiale (per es. con la plastica). Questi aumentano l'energia superficiale del supporto in modo che l'adesivo si attacchi ancor più saldamente.

Dito o inchiostro?
Se volete testare il tack del nastro adesivo, potete toccarlo di nuovo con il vostro dito. Ma la misura con la quale l'adesivo si attacca al vostro dito non indica nulla sul tack della superficie che volete utilizzare. Il vostro dito e una superficie hanno un'energia superficiale molto diversa (ovviamente, a meno che non vogliate attaccare il nastro adesivo sul vostro dito; allora potete anche eseguire il test con un cerotto...).

global.read_more
Test dell'inchiostro su alluminio
Test dell'inchiostro su alluminio

Ora perché l'inchiostro è meglio del dito? È molto semplice: perché l'inchiostro è liquido e agisce in una certa misura come un adesivo. Quanto più uniformemente l'inchiostro si dissolve sulla superficie, tanto maggiore è la tensione superficiale. Questo dimostra quali sono le proprietà che l'adesivo deve avere per aderire a questa superficie. Nel nostro articolo sul test dell'inchiostro scoprirete come funziona.